Studio Legale Niro


Vai ai contenuti

Consulenze e Servizi

Consulenze & Servizi

Patrocinio a spese dello Stato

Con il patrocinio a spese dello Stato, se si ha bisogno di assistenza legale e si ha un reddito imponibile al di sotto di una certa soglia, si può richiedere ed ottenere il patrocinio della causa a titolo gratuito.
Sarà l'avvocato stesso a richiedere il rimborso allo Stato per la prestazione offerta.

Si riporta dii seguito la legislazione in materia:

D.L. 30 maggio 2002, n. 113 (Testo unico delle disposizioni legislative in materia di spese di giustizia (testoB) Supplemento ordinario n.126/L alla "Gazzetta Ufficiale" n. 139 del 15 giugno 2002 - Serie generale.

Art. 76
Condizioni per l'ammissione


1. Può essere ammesso al patrocinio chi è titolare di un reddito imponibile ai fini dell'imposta personale sul reddito, risultante dall'ultima dichiarazione, non superiore a euro
10.766,33.
2. Salvo quanto previsto dall'articolo 92, se l'interessato convive con il coniuge o con altri familiari, il reddito è costituito dalla somma dei redditi conseguiti nel medesimo periodo da ogni componente della famiglia, compreso l'istante.
3. Ai fini della determinazione dei limiti di reddito, si tiene conto anche dei redditi che per legge sono esenti dall'imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) o che sono soggetti a ritenuta alla fonte a titolo d'imposta, ovvero ad imposta sostitutiva.
4. Si tiene conto del solo reddito personale quando sono oggetto della causa diritti della personalità, ovvero nei processi in cui gli interessi del richiedente sono in conflitto con quelli degli altri componenti il nucleo familiare con lui conviventi.

Art. 77
Adeguamento dei limiti di reddito per l'ammissione


1. I limiti di reddito sono adeguati ogni due anni in relazione alla variazione, accertata dall'ISTAT, dell'indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati, verificatasi nel biennio precedente, con decreto dirigenziale del Ministero della giustizia, di concerto con il Ministero dell'economia e delle finanze.

Art. 79
Contenuto dell'istanza


1. L'istanza è redatta in carta semplice e, a pena di inammissibilità, contiene:
a) la richiesta di ammissione al patrocinio e l'indicazione del processo cui si riferisce, se già pendente;
b) le generalità dell'interessato e dei componenti la famiglia anagrafica, unitamente ai rispettivi codici fiscali;
c) una dichiarazione sostitutiva di certificazione da parte dell'interessato, ai sensi dell'articolo 46, comma 1, lettera o), del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, attestante la sussistenza delle condizioni di reddito previste per l'ammissione, con specifica determinazione del reddito complessivo valutabile a tali fini, determinato secondo le modalità indicate nell'articolo 76;
d) l'impegno a comunicare, fino a che il processo non sia definito, le variazioni rilevanti dei limiti di reddito, verificatesi nell'anno precedente, entro trenta giorni dalla scadenza del termine di un anno, dalla data di presentazione dell'istanza o della eventuale precedente comunicazione di variazione.
Per i redditi prodotti all'estero, il cittadino di Stati non appartenenti all'Unione europea correda l'istanza con una certificazione dell'autorità consolare competente, che attesta la veridicità di quanto in essa indicato.
2. Gli interessati, se il giudice procedente o il consiglio dell'ordine degli avvocati competente a provvedere in via anticipata lo richiedono, sono tenuti, a pena di inammissibilità dell'istanza, a produrre la documentazione necessaria ad accertare la veridicità di quanto in essa indicato.

Art. 122
Contenuto integrativo dell'istanza


1. L'istanza contiene, a pena di inammissibilità, le enunciazioni in fatto ed in diritto utili a valutare la non manifesta infondatezza della pretesa che si intende far valere, con la specifica indicazione delle prove di cui si intende chiedere l'ammissione.

Art. 125
Sanzioni


1. Chiunque, al fine di ottenere o mantenere l'ammissione al patrocinio, formula l'istanza corredata dalla dichiarazione sostitutiva di certificazione, attestante falsamente la sussistenza o il mantenimento delle condizioni di reddito previste, è punito con la reclusione da uno a cinque anni e con la multa da euro 309,87 a euro 1.549,37. La pena è aumentata se dal fatto consegue l'ottenimento o il mantenimento dell'ammissione al patrocinio; la condanna importa la revoca con efficacia retroattiva e il recupero a carico del responsabile delle somme corrisposte dallo Stato.
2. Le pene previste al comma 1 si applicano nei confronti di chiunque, al fine di mantenere l'ammissione al patrocinio a spese dello Stato, omette di formulare le comunicazioni di cui all'articolo 79, comma 1, lettera d).
_________________________________________________________________________________________

Compila il FormMail e richiedi informazioni sulla possibilità di accedere al gratuito patrocinio.
_________________________________________________________________________________________

Cognome e Nome:
Indirizzo:
Città:
Cap - Provincia:
Email:
(Tutti i campi sono obbligatori)
Messaggio:

INFORMATIVA AI SENSI DELL?ART. 13 D. LGS. 196/2003


Si rende noto ai visitatori del sito www.fortunatoniro.it che il codice in materia di protezione dei dati personali previsto nel d.lgs. n. 196 del 30 giugno 2003 regola la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali.

Il trattamento dei dati acquisiti mediante invio di e mail e/o la compilazione di form contemplati nell?area Consulenze & Servizi sarà improntato ai principi di correttezza, liceità, trasparenza e di tutela della riservatezza e dei diritti del visitatore.

A tal fine si segnala che, ai sensi dell'art. 13 del citato d.lgs. n. 196/2003, tali informazioni si riferiscono esclusivamente al sito www.fortunatoniro.it e non ad altri siti eventualmente visitati tramite link, per i quali si suggerisce di prendere visione delle relative informative rese dai singoli titolari dei siti richiamati.

I dati personali conferiti allo Studio Legale Niro a seguito dell?accesso al sito www.fortunatoniro.it saranno inseriti nella banca dati dello Studio e saranno oggetto di trattamento con procedure informatiche e/o manuali.

Modalità del trattamento dei dati.
Il trattamento è realizzato per mezzo delle operazioni o complesso di operazioni indicate all?art. 4 comma 1 lett. a) T.U.: raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, consultazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, cancellazione e distruzione dei dati.
I dati e la documentazione necessari e pertinenti agli incarichi in corso, da instaurare o cessati verranno conservati, in archiviazione, oltre l'esecuzione degli incarichi affidati, e precisamente per il periodo di 10 anni ed anche oltre tale periodo limitatamente ai dati personali per ragioni di carattere storico statistico e connesse al tipo di software utilizzato per la gestione dello Studio Legale e per la formazione dei testi

Le operazioni possono essere svolte con o senza l?ausilio di strumenti elettronici o comunque automatizzati.

Il trattamento è svolto dal titolare e/o dagli incaricati del trattamento.

I dati personali raccolti dallo Studio Legale Niro, a mezzo internet, saranno utilizzati per le proprie attività informative e non saranno diffusi e comunicati a terzi.

Rifiuto di conferimento dei dati.
L?eventuale rifiuto da parte dell?interessato di conferire dati personali comporta l?impossibilità di adempiere alle attività precedentemente elencate.

Titolare del nome a dominio del sito è :
Avv. Fortunato Niro
Via Cecilia Deganutti n. 18 - 33100 - Udine
Tel/FAX 04321500231

Diritti dell?interessato.
L?art. 7 T.U. conferisce all?interessato l?esercizio di specifici diritti, tra cui quello di ottenere dal titolare la conferma dell?esistenza o meno di propri dati personali e la loro messa a disposizione in forma intelligibile; l?interessato ha diritto di avere conoscenza dell?origine dei dati, della finalità e delle modalità del trattamento, della logica applicata al trattamento, degli estremi identificativi del titolare e dei soggetti cui i dati possono essere comunicati; l?interessato ha inoltre diritto di ottenere l?aggiornamento, la rettificazione e l?integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge; il titolare ha il diritto di opporsi, per motivi legittimi, al trattamento dei dati.

La richiesta si cui al citato art. 7 potrà pervenire allo Studio Legale Niro dell?
Avv. Fortunato Niro, titolare del trattamento, in forma cartacea agli indirizzi sopra indicati o in forma elettronica all'indirizzo e-mail info@fortunatoniro.it, indicando nell'oggetto che si tratta di interpello ai sensi dell'art. 7 d.lgs. 196/03.

Home Page | Lo Studio | Settori di Attività | Consulenze & Servizi | Link & Utilità | JusBook - Network di Studi Legali Associati | Informativa privacy | Termini nell'uso | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu